Blog di informazione

La terapia familiare

La terapia familiare è un approccio psicoterapeutico che interviene sulle dinamiche relazionali di un’intera famiglia. Questo tipo di terapia consente di migliorare i rapporti tra i componenti della famiglia, esaltandone i pregi e rielaborandone i comportamenti scorretti.

Un intervento sul sistema famiglia


Nella terapia familiare ogni singolo componente viene inteso come parte di un tutto, in costante contato con gli altri. Questo tipo di terapia viene seguito da quelle famiglie che intendono migliorare le relazioni al loro interno. Spesso il terapeuta si scontra con un sistema che tende a mantenere i suoi comportamenti, nonostante le modificazioni interne ed esterne, e questo si connota come una delle problematiche principali su cui lavorare. Infatti molto spesso le problematiche insite all’interno di un gruppo familiare sono correlate direttamente ai comportamenti perpetuati nel tempo, che possono portare il sistema famiglia a diventare disfunzionale, tanto da essere motivo di forte stress per uno o più dei suoi componenti.

Le motivazioni


Generalmente le famiglie che arrivano ad incontrarsi con un professionista per risolvere i loro problemi sono quelle che già manifestano sintomi preoccupanti. Molto spesso i primi a fare le spese di un gruppo familiare disfunzionale sono i bambini, che possono incontrare problemi comportamentali, di apprendimento o di altro tipo. Per questo motivo di solito lo psicologo o lo psicoterapeuta difficilmente ha di fronte famiglie in cui regna la pace e l’armonia. Molto più spesso i conflitti sono pesanti e fortemente radicati all’interno del nucleo familiare. Per cui il movimento è di solito da un singolo paziente, che manifesta depressione, stati d’ansia o di irritabilità, verso la famiglia, che viene considerata come una delle cause dei sintomi del paziente, o anche l’unica causa.

La terapia familiare e i bambini


Per diversi motivi sono spesso glia adolescenti e i bambini i primi campanelli d’allarme di una famiglia disfunzionale. Forse anche perché un adulto che vive una condizione di rapporti familiari disfunzionali tende a celare a chiunque la sua condizione, mentre un bambino nel quotidiano si incontra in modo quasi obbligato con coetanei, ma anche con insegnanti di vario grado. In molti casi le problematiche particolarmente sentite dai bambini non sono dovute a patologie serie che riguardano il rapporto familiare, ma semplicemente a comportamenti scorretti, che si ripetono nel corso del tempo, peggiorando progressivamente il disagio. Spesso il contatto con uno psicoterapeuta è l’unico modo per rendere cosciente una famiglia dei rapporti disfunzionali che attua; professionisti come la psicologa Sellitto sono in grado di valutare la gravità delle situazioni familiari in poche sedute.

Tagged with:

Lascia un commento