Blog di informazione

Marketing museale per attrarre il pubblico

Ancora oggi si pensa che un evento museale oppure una mostra siano qualcosa di noioso, ma con l’applicazione delle nuove tecnologie in ambito tecnico, che dei nuovi strumenti e metodi di comunicazione moderni, la realizzazione di allestimenti museali in grado di coinvolgere e rendere sempre più partecipe il pubblico si è trasformata in realtà.

Il marketing museale si basa su diversi concetti chiave, presi dal mondo del marketing tradizionale che si applica ai business più disparati del pianete, adeguandolo e personalizzandolo a tutti quelli che sono gli aspetti e le regole necessarie di una mostra e di un evento museale in generale.

Cambia il mondo con cui il pubblico fruisce dei contenuti del museo, le persone sono coinvolte e fanno parte di una nuova esperienza visiva e sensoriale unica e personalizzata, il museo non è più percepito come un luogo freddo e statico, ma si trasforma in uno spazio dinamico ed attraente grazie all’applicazione delle nuove tecnologie e di tutti quelli che sono gli aspetti della comunicazione culturale.

Il marketing museale trasmette al pubblico il messaggio del museo e lo amplifica all’ennesima potenza per creare tutti quegli aspetti di promozione e branding tipici delle attività di business, ma che trovano ottima applicazione anche nel campo delle esposizioni museali grazie alla valorizzazione culturale ed allo sviluppo di chiare strategie di creazione del valore.

Per cancellare dalla testa delle persone l’idea che un museo oppure un allestimento museale sia piatto e noioso c’è bisogno di engagement, interazione dinamica, per questo serve focalizzare l’attenzione sul modo di comunicare sia all’interno che all’esterno del museo, è necessario che lo spazio espositivo diventi un luogo vivibile e vissuto così da farlo diventare un luogo culturalmente attraente anche per i più scettici.

L’uso di totem multimediali e touch screen che diano modo al pubblico di interagire con le opere esposte, di conoscerne ogni minimo dettaglio, lo sfruttamento della realtà aumentata per vedere l’opera inserita in un contesto virtuale, ma reale, la possibilità di amplificare il messaggio ed il livello dei contenuti grazie all’applicazione di tecnologie moderne ed efficaci, tutto permette di trasformare il museo in uno spazio piacevole e nuovo.

Mettendo in pratica tutte le possibili strategie di marketing museale si è in grado di pianificare una mission ben precisa per il museo, definire quale sia il pubblico da intercettare e colpire, poter progettare un sistema museale completo e mirato per generare soddisfazione ed interesse nelle persone.

Il tutto rendendo più piacevole sia l’attesa che la visita stessa all’interno del museo.

Grazie alla corretta applicazione di tutte le strategie di marketing museale è così possibile andare a realizzare un progetto specifico e dettagliato dell’allestimento museale, definendo in modo specifico tutti gli aspetti da far risaltare, quali tecniche e tecnologie utilizzare per creare interesse e successo.

Ad oggi per qualsiasi evento museale e culturale è necessario generare il livello più elevato possibile di coinvolgimento emozionale, sia all’interno del museo durante la visita, sia all’esterno con tutte quelli che possono essere gli aspetti della comunicazione culturale e del marketing museale applicato.

Prima di tutto bisogna attrarre con una comunicazione mirata per poi trasformare l’interesse del pubblico in un vero e proprio viaggio sensoriale specifico per ogni tipologia di mostra ed evento museale.

Quest’ultimo punto è molto importante per capire come ogni allestimento museale vada studiato e progettato univocamente in quanto ogni mostra ha le sue specifiche e differenti opere esposte che devono generare sensazioni, emozioni ed interazioni differenti.

Lascia un commento